VENEZIA 72: I FILM IN CONCORSO

Posted by on Jul 31, 2015 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


L’elenco presentato in conferenza stampa a Roma fra opere prime, impegno sociale, fantascienza, animazione, un “remake” ambizioso,  giovani promesse che crescono, il mito di Lou Reed,  la corsa al Leone d’oro di quattro film italiani.
Lou-Reed-and-Laurie-Anderson-Coney-Island-New-York

Lou Reed e Laurie Anderson. La storia del compianto rocker in “Heart of Dog” firmato dalla moglie, in concorso a Venezia 72.

Quattro registi italiani in lizza per il Leone d’oro (Bellocchio, Gaudino, Guadagnino, Messina).

Dalla Turchia approda in Laguna Emin Alper.

Dagli Stati Uniti grande eclettismo:

c’è l’opera prima :“Equals di Drake Doremus, classe 1983, che dopo quattro cortometraggi e tanta stima nei festival Indie, sceglie la fantascienza per dirigere Nicholas Hault e Kristen Stewart in “una storia d’amore in un futuro che sradica i sentimenti“).

C’è il film di animazione: “Anomalisa” di Kaufman e Johnson ha le voci autorevoli di Jennifer Jason Leigh e David Thewels.

C’è Carey Funaga, il regista delle otto puntate del primo “True Detective“:  con “Beasts of no Nation” (già acquistato da Netflix) porta alla Biennale l’inferno della guerra civile vissuta da un soldato bambino (al suo debutto come attore c’è  Abrham Attah). E’ tratto dall’omonimo romanzo del fisico-sociologo di origine nigeriana Uzodinma Iweala e regala a Idris Elba il ruolo della vita (andrà a lui la Coppa Volpi?).

C’è Laurie Anderson, la moglie di Lou Reed, con “Heart of Dog” (“Cuore di Cane”), che ci suona come il più iconico (e abbiamo scelto come immagine di copertina assieme al marito (amore di una vita) scomparso nel 2013), documentario mosso (parole dell’artista) dal “senso di perdita: fino alla fine abbiamo protetto e amato l’altro“.

Ci sarà grande varietà anche sul red carpet.

 

Molti big:  Juliette Binoche nel film di Messina, Christopher Plummer e Martin Landau insieme per “Remember” del canadese Atom Egoyan. Tilda Swinton, Ralph Fiennes, Matthias Schoenaerts, Dakota Johnson, Corrado Guzzanti tutti insieme appassionatamente nelBig Splashdel nostro Guadagnino che traspone ai giorni nostri “La Piscina”, con  gli intrecci vacanzieri a Pantelleria che nel 1969 misero alla prova Alain Delon, Romy Schneider e Jane Birkin.

Fra gli attori italiani più popolari: Alba Rohrwacher, Filippo Timi per Bellocchio, Valeria Golino e Massimiliano Gallo per Gaudino. E un bel “sottobosco” da tenere d’occhio, di cui vi sapremo ridire.

Due le opere di registi francesi (ma la Francia è la nazione più presente in assoluto nelle co-produzioni).

In concorso anche Australia, Argentina, Venezuela, Paesi Bassi e Cina.

Delle opere singole e delle individualità parleremo più approfonditamente.

Intanto alleghiamo l’ elenco completo dei film in concorso, annunciato dal presidente della Biennale Paolo Baratta e dal direttore del festival Alberto Barbera nella conferenza stampa di presentazione a Roma del 29 giugno.

Mariella Dei

EMIN ALPER – ABLUKA (FRENZY)
Turchia, Francia, Qatar, 114′
Mehmet Özgür, Berkay Ates
LAURIE ANDERSON – HEART OF A DOG
Usa, 75′
Laurie Anderson
MARCO BELLOCCHIO – SANGUE DEL MIO SANGUE
Italia, Francia, Svizzera, 106′
Roberto Herlitzka, Pier Giorgio Bellocchio, Lydiya Liberman, Fausto Russo Alesi, Alba Rohrwacher, Federica Fracassi, Filippo Timi
SUE BROOKS – LOOKING FOR GRACE
Australia, 97′
Richard Roxburgh, Radha Mitchell, Odessa Young, Terry Norris, Harry Richardson
DRAKE DOREMUS – EQUALS
Usa, 101′
Kristen Stewart, Nicholas Hoult, Guy Pearce, Jacki Weaver
ATOM EGOYAN – REMEMBER
Canada, Germania, 95′
Christopher Plummer, Martin Landau, Dean Norris, Bruno Ganz, Jürgen Prochnow, Heinz Lieven
CARY FUKUNAGA – BEASTS OF NO NATION
Usa, 133′
Idris Elba
GIUSEPPE M. GAUDINO – PER AMOR VOSTRO
Italia, Francia, 110′
Valeria Golino, Massimiliano Gallo, Adriano Giannini
XAVIER GIANNOLI – MARGUERITE
Francia, Repubblica Ceca, Belgio, 127′
Catherine Frot, André Marcon, Michel Fau, Christa Théret, Denis Mpunga, Sylvain Dieuaide

AMOS GITAI – RABIN, THE LAST DAY
Israele, Francia, 153′
Ischac Hiskiya, Pini Mitelman, Michael Warshaviak, Einat Weizman, Rotem Keinan, Yogev Yefet, Yael Abecassis

LUCA GUADAGNINO – A BIGGER SPLASH
Italia, Francia, 120′
Tilda Swinton, Ralph Fiennes, Matthias Schoenaerts, Dakota Johnson, Corrado Guzzanti
OLIVER HERMANUS – THE ENDLESS RIVER
Sud Africa, Francia, 108′
Nicolas Duvauchelle, Crystal-Donna Roberts, Clayton Evertson, Darren Kelfkens, Denise Newman
TOM HOOPER – THE DANISH GIRL
Regno Unito, Usa, 120′
Eddie Redmayne, Alicia Vikander, Amber Heard, Sebastian Koch, Ben Whishaw, Matthias Schoenaerts
CHARLIE KAUFMAN, DUKE JOHNSON – ANOMALISA
Usa, 90′
(animazione)
Jennifer Jason Leigh, David Thewlis, Tom Noonan
ZHAO LIANG – BEHEMOTH
Cina, Francia, 95′
(documentario)
PIERO MESSINA – L’ATTESA
Italia, Francia, 100′
Juliette Binoche, Lou de Laâge, Giorgio Colangeli, Domenico Diele, Antonio Folletto, Giovanni Anzaldo
JERZY SKOLIMOWSKI – 11 MINUT (11 MINUTES)
Polonia, Irlanda, 81′
Richard Dormer, Paulina Chapko, Wojciech Mecwaldowski, Dawid Ogrodnik, Andrzej Chyra
ALEKSANDR SOKUROV – FRANCOFONIA
Francia, Germania, Paesi Bassi, 87′
Louis-Do de Lencquesaing, Benjamin Utzerath
PABLO TRAPERO – EL CLAN
Argentina, Spagna, 108′
Guillermo Francella, Peter Lanzani

LORENZO VIGAS – DESDE ALLÁ
Venezuela, 93′
Alfredo Castro, Luis Silva

CHRISTIAN VINCENT – L’HERMINE
Francia, 98′
Fabrice Luchini, Sidse Babett Knudsen