Posts Tagged "David Verlato"

A Pratovecchio il grande successo de Il Teatro è servito 2015

Posted by on Aug 20, 2015 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments

A Pratovecchio il grande successo de Il Teatro è servito 2015

Pratovecchio (Ar)-11, 12, 13 agosto 2015.  La Bottega del Teatro Artigianale ha moltiplicato consensi, applausi e comicità nella quarta edizione de “Il Teatro è servito“. Più di trecento commensali-spettatori (numero chiuso, le richieste giunte sono state il doppio), tutto esaurito in pochi giorni dall’apertura della prevendita dei biglietti. Tema dello spettacolo: un “mitico viaggio” di Dante, Virgilio e altri personaggi (più boccacceschi che affini alle corde del divin poeta) che da Romena a Campaldino non risparmiano situazioni spassose e sapientemente presentate in scena. Come ci hanno spiegato Massimo “Macino” Martini...

Read More

I Mustang guardano avanti

Posted by on Jul 16, 2015 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments

I Mustang guardano avanti

“Guarda Avanti” è la svolta dei Mustang: sette canzoni e un video che proiettano la band di Stia (Ar), da venti anni sulla scena del rock alternativo, dal successo amatoriale verso la maturità musicale. Rimane il marchio di fabbrica: ottima, solida, avvolgente musica. I testi goliardici per cui erano noti lasciano spazio all’ introspezione e ad atmosfere cupe. Ci raccontano: “E’ il risultato del lavoro di un anno e di cinque teste con gusti e stili variegati. Ci prepariamo a fare sul serio”. Suono pieno e corposo. Il rock dei Mustang è una garanzia: solido, avvolgente, pulito, con le chitarre protagoniste, l’irriverenza del...

Read More

Cannes, storie dal festival del cinema- Quinta puntata

Posted by on Jun 25, 2015 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments

Cannes, storie dal festival del cinema- Quinta puntata

Woody Allen arriva a Cannes il 15 maggio 2015: presenta fuori concorso “Irrational Man“, il suo quarantanovesimo lungometraggio, accompagnato dalle due protagoniste femminili, Emma Stone e Parker Posey. All’alba dei suoi prossimi ottanta anni, in conferenza stampa il regista rinnova la sua dichiarazione d’amore per il cinema: forma di evasione, fuga dalla realtà (sempre insostenibile), e “necessaria distrazione dal pensiero della decadenza e della morte“. Il mal di vivere è scandagliato ancora a fondo nel suo “Uomo Irrazionale” (portandosi dietro come sempre la classe borghese di New York): stavolta la nevrosi è affidata...

Read More