Ponti e mulini dell’alto Casentino: storie prima del lieto fine

Posted by on Dec 17, 2014 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


S5610003

La neve nell’alto Casentino

L’antico ponte di Casenzi (Castel S.Niccolò), il mulino sul Barbozzaia di Raggiolo (Ortignano Raggiolo), il ponte dell’Usciolino o quello di Montemignaio: preziosissimi manufatti su tracciati abbandonati da secoli, dimenticati con lo spopolamento della montagna casentinese. Sono rimasti agonizzanti sotto il peso dell’oblio in zone più o meno impervie dei vari comuni del Casentino come se non avessero storia o contesto.

S5610002

Veduta invernale del crinale del Casentino (AR)

Abbiamo raccontato e segnalato tante volte, nelle trasmissioni di Casentino Nascosto, le loro emergenze e il loro decadere. Per fortuna per molti di questi casi c’è stato un riscontro, sono seguite azioni concrete che hanno regalato una storia a lieto fine a questi monumenti della ruralità atavica del territorio.

S5610004

Sul ponte dell’Usciolino (2003)

Sono stati trovati fondi, capitoli di bilancio più o meno consistenti, sono stati avviati interventi di recupero grazie a sensibilità risvegliate nelle amministrazioni, grazie all’intervento di privati, grazie ad associazioni culturali o ambientaliste del territorio che hanno saputo inserirli di nuovo nel tessuto della vita contemporanea della popolazione. Grazie, forse, a nuove consapevolezze, nuovi modelli culturali, nuove abitudini ( o necessità?) che hanno riportato i figli o i nipoti di chi è scappato dalla montagna settant’anni fa a ritornare ( poco importa se per una camminata nel fine settimana o per un’escursione, o una gara in mountain bike) e a rileggere un tratto di questo dna collettivo, e hanno spinto gli enti a valorizzare ciò che finora non rientrava nei criteri di “valore” e di valorizzabile per la cosa comune, per svariati motivi.

S5610001

il crinale casentinese d’inverno

Le storie a lieto fine per molti di questi ponti, sentieri e mulini che abbiamo documentato sono arrivate negli anni successivi al 2006, per molti il processo è (confidiamo) tuttora in corso.

Nell’inverno fra 2003 e 2004, quando con Casentino Nascosto siamo andati a ricercarli in una prima perlustrazione, questi gioielli dei margini montani erano, invece, così.

 

Buona visione

 

Mariella Dei

Castel San Niccolò, Ortignao Raggiolo, Montemignaio (AR)

 

GUARDA IL VIDEO: