KEANU REEVES: “Sono un cattivo molto Tai Chi”

Posted by on Nov 20, 2014 in Contemporaneo globale | 0 comments


Ospite al Champs Elysees Film Festival di Parigi, in cui è impegnato in due Master Classes, la star di Hollywood presenta Man of Tai Chi, il primo film che ha diretto da regista indipendente. Lo ha girato nel 2012 in Cina: arti marziali, combattimenti clandestini all’ultimo sangue, coreografie spettacolari filmate con tecniche di ripresa sofisticate raccontano il percorso di un’anima candida alla conoscenza di sè. “Sono contento: ho recitato nel ruolo del cattivo -racconta- e il film è piaciuto a Jackie Chan e al mio attore protagonista”. Prossimo obiettivo: realizzare Passengers
 

 GUARDA IL VIDEO: KEANU REEVES INTERVISTA AL CEFF di PARIGI

 

 
kr14

Keanu Reeves – Parigi, Champs Elysees Film Festival 2014

E’ la sera di Man of Thai Chi ai Publicis Cinemas di Parigi. Sul red carpet il clima è informale, il colpo d’occhio essenziale ed elegante. Al di qua ed al di là delle transenne l’entusiasmo circola evidente. Keanu Reeves è puntualissimo. Al Champs Elyseès Film Festival è ospite d’onore in due Master Classes nel fine settimana. Gli organizzatori della rassegna di cinema indipendente franco-americano hanno scelto il suo primo film da regista per il sabato sera. Il suo primo passo sul tappeto rosso è un balzo veloce. Si mette in posa con garbo davanti ai fotografi. Avanza un po’, ma poi torna indietro per concedersi di nuovo agli scatti assieme alla presidente del festival Sophie Dulac. L’attore canadese appare sereno, ha modi gentili, un atteggiamento modesto, lo stile di chi non ama gli orpelli, ed un modo di porsi così riservato e lieve che assomiglia alla timidezza. Non spreca le parole. Ha una singolare comunicativa tutta non verbale, ricchissima e sottile, che lascia nell’interlocutore l’impressione di aver ricevuto una risposta esauriente anche se ha pronunciato un semplice monosillabo.

Mentre il sole tramonta dietro all’Arco di Trionfo, la fila di chi aspetta il proprio turno per entrare nella sala della proiezione del film si perde a vista d’occhio. Il suono del suo nome esotico, chiamato da tutti e non sempre pronunciato esattamente, si mescola al rumore del traffico e al brusio della vita che scorre sul viale parigino. Prima di voltarsi e accontentare le mani tese, gli occhi festanti, gli smart-phones impegnati a rubare ogni attimo, l’attore di fama planetaria fa sosta davanti ai microfoni ed alle telecamere della nostra postazione per rispondere, in pochi minuti, a qualche domanda.

kr17

Keanu Reeves, Parigi, red carpet Champs Elysees film festival 2014

Mr. Reeves, che esperienza è stata stare dall’altra parte della telecamera?

Mi sono sentito a casa, a mio agio, è stato veramente eccitante. E’ stato grandioso lavorare con gli attori, mi è piaciuto il set cinematografico, cercare di trovare l’inquadratura giusta, e raccontare una storia. Ho avuto veramente un’esperienza positiva.

Quali sono state le sfide?

Difficile dirlo, perchè le sfide, le difficoltà sono fatte della stessa sostanza di cui sono fatte le opportunità. Hai a disposizione una certa quantità di tempo, di denaro, hai una visione, hai delle circostanze, ma tutto questo converge nel momento in cui si crea. Per risolvere i problemi bisogna avere una visione ampia. Perchè mentre stai facendo una cosa basta girarsi da un’altra parte, assumere un’altra prospettiva e la maggior parte delle volte è molto meglio. 

Perchè Man of Tai Chi è un film importante per lei?

Penso che abbia tanto da offrire, tanto da dare.  Per la conoscenza di se stessi, per il modo di relazionarsi con gli altri, per il rapporto con la natura, per la connessione con se stessi, con la propria interiorità. E poi ci sono i combattimenti. Compassione e comprensione. 

Qual è stato l’aspetto più difficile del suo lavoro?

(Pensa) Direi il suono. Lavorare con il suono, specialmente quello delle scene di combattimento. Ma è stato anche interessante.

Lei è attore, regista e anche produttore. Che progetti ha in cantiere con la sua Company Films?

(sorride e pensa per qualche secondo) Speriamo… Siamo speranzosi di cominciare a realizzare questo progetto chiamato Passengers. E… cerchiamo la prossima storia. Il nostro obiettivo è raccontare delle storie.

La Company Films è la compagnia di produzione che Keanu Reeves ha fondato assieme a Stephen Hamel. Con essa ha già realizzato Side by Sideil documentario sul cinema e sul passaggio dalla pellicola al digitale, in cui Reeves è coproduttore e intervistatore. Passengers risulta ufficialmente in pre-produzione con la regia affidata a Brian Kirk (Il Trono di Spade) ed è un film di fantascienza di cui si parla almeno dal 2009. Anche allora Keanu Reeves era indicato nel ruolo di protagonista, e a dirigerlo doveva essere Gabriele Muccino, in trattativa con la Morgan Creek, su soggetto della stessa Company Films. Nel 2011, dopo un’altalena di conferme e smentite, il regista italiano annunciò l’uscita definitiva dal progetto.

Passengers è un film in cui era prevista la regia di Gabriele Muccino…poi che è successo?

(Sorride. Fa una breve pausa. Alza le spalle). Voglio bene a Muccino. E’ una persona carina ed un bravissimo artista…

A che punto è adesso il progetto, prevede dei tempi? 

Non lo so… Stiamo ancora cercando di farlo partire…

In Italia Man of Tai Chi non è uscito nelle sale cinematografiche. Si è ritagliato un proprio pubblico di nicchia viaggiando trasversalmente attraverso i canali web e la distribuzione in dvd. E’ il momento di fare esperienza dell’opera prima di Reeves sul grande schermo. prosegue >>>

Mariella Dei

Parigi, Champs Elysees film festival 2014

vai alla seconda parte dell’articolo

 

 

torna alla pagina il ritorno di Keanu Reeves

 

 

Keanu Reeves al Man of Tai Chi photo call. Parigi, Champs Elysses Film Festival 2014

Keanu Reeves,  Man of Tai Chi photo call. Parigi, Champs Elysees Film Festival 2014

Keanu Reeves e la presidente del CEFF Sophie Dulac. Parigi, Champs Elysses FIlm Festival 2014

Keanu Reeves con la presidente del CEFF Sophie Dulac. Parigi, Champs Elysses FIlm Festival 2014

Keanu Reeves durante le interviste sul red carpet di Man of Tai Chi. Parigi, Champs Elysees Film Festival 2014

Keanu Reeves durante le interviste sul red carpet di Man of Tai Chi. Parigi, Champs Elysees Film Festival 2014