CANNES DIARY 2016 14 maggio

Posted by on May 14, 2016 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


da Mariella Dei

ore 10.27 – Buongiorno da Cannes! Dopo un’alba del sabato mattina redazionale (tutti gli articoli che mi sono stati richiesti sono stati spediti e consegnati, e presto nuove recensioni anche su ZM) eccomi nel quartier generale, ovvero il wifi cafe del Palazzo del Cinema che il Festival mette a disposizione della stampa per le esigenze di comunicazione immediata (se riesco poi vi posto una fotina per rendervi conto di una giornata tipo qui dentro). Oggi: due film in competizione e The BFG di Spielberg fuori concorso.
Stiamo aspettando infatti “Mademoiselle/ The Handmaiden” (www.zenithmagazine.it/cannes-69-sguardo-a-the-handmaiden-di-chan-wook-park): il coreano Park e il suo cast saranno alle 11.30 in conferenza e questa sera alle 22 la prima del Film al Grand Theatre Lumiere.
Alle 12.30 sarà la volta della tedesca Maren Ade con “Toni Erdmann” (www.zenithmagazine.it/cannes-69-toni-erdmann-di-maren-aden/) che è lunghissimo (due ore e quarantadue minuti, inusuale per una commedia e ciò mi incuriosisce ma mi spiazza perché fa saltare tutti i tempi della mia scaletta di lavoro).
Steven Spielberg sarà qui al terzo piano attorno alle 14.30. E assieme a lui, nel cast, sarà un privilegio poter vedere Mark Rylance (è suo il volto del gigante buono), un mito del teatro, e già straordinario nel precedente “Il Ponte delle Spie”, con esso premiato con l’ Oscar come attore non protagonista. La prima proiezione di The BFG è tra poco, alle 11.45, e se la conferenza di Park sarà puntuale, tento la visione stamani. Altrimenti alle 19.00 ( e per me significa rush finale notturno per scrivere la recensione entro la mezzanotte).
Ok, è tutto col diario di bordo, opzioni aperte, tanto lavoro. Seconda parte della mattinata al via. Per la foto del post scelgo Mark Rylance perché credo sia oggi il personaggio, oltre a Spielberg, capace di trasmetterci tante cose interessanti soltanto con la sua sola presenza e con la sua storia professionale. Lo aspettiamo qui e spero di raccontarvi tutto.

 

ore 17.23 @ Cannes, Live. Che bellissime persone. La mia esperienza reale della loro caratura umana e professionale supera l’immaginazione. Cosa mi ha colpito di loro? Lo sguardo vivo e buono, l’umiltà e la generosità. Queste sono connotazioni. Il mio articolo è qui sotto.

LINK

 

ore 22.43 – A Cannes non si finisce una giornata che siamo già a domani: più tosta di oggi, se partiamo dal presupposto delle stars che ci saranno e dei centimetriquadrati da conquistare – inversamente proporzionali alla popolarità dei loro nomi- per poterne documentare l’arrivo. Purtroppo temo che il vero protagonista (e anche il nostro dramma in un certo senso) è il gossip che accompagna questi signori della prima domenica del Festival: MARION COTILLARD (tutto il mondo sarà lì per lei e per la sua presunta relazione con Brad Pitt). LOUIS GARRELL (che ai francesi piace molto ma anche agli altri che se lo ricordano senza veli in “The Dreamers” di Bertolucci). SHIA LABEUF ( Nynphomaniac di Von Trier…un sacco di provocazioni sul web, gli esperimenti nelle performances stile Abrahmovic….un personaggio descritto come non proprio tranquillo. Personalmente se lo penso come il ragazzino assistente di Keanu Reeves in Constantine, con le dichiarazioni che faceva allora, mi sta pure simpatico.. ma i paparazzi sono lì per il ragazzaccio). Il non plus ultra è la coppia di ” The Nice Guys” di SHANE BLACK, che arriverà alle 14.30: RUSSEL CROWE (Il Gladiatore, e ho detto tutto) e RYAN GOSLING (secondo “People” uno degli uomini piu belli del mondo, e anche neo-papà fresco fresco, il 29 aprile scorso, della seconda bimba avuta con la moglie Eva Mendes). Ora che ci siamo immischiati un po’ nel costrutto personale altrui… scherzi a parte, sveglia all’alba e occhio ai film (che non sembrano proprio da buttare via quelli in cui si trovano a recitare i signori di cui sopra). Vi saluto con la foto dei “Nice Guys” Gosling-Crowe. A domani, ancora da Cannes, per la quinta giornata del Festival del Cinema.