Cannes 69, sguardo su SOLO LA FINE DEL MONDO di Xavier Dolan

Posted by on Apr 27, 2016 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


di Mariella Dei

A 27 anni, dopo l’expliot a Cannes nel 2014 con “Mummy”, il regista di Montreal dirige il top degli attori francesi in un dramma di Lagarce. Gaspard Ulliel è lo scrittore malato terminale. Con Marion Cotillard e Lea Seydoux. In competizione.

its-only-the-end-of-the-world

Marion Cotillard in “It’s Only The End of The World” di Xavier Dolan

 

Xavier DOLAN (Canada)
JUSTE LA FIN DU MONDE
(IT’S ONLY THE END OF THE WORLD)

Aspettative alte. Il 27enne  canadese, a Cannes già  premio della Giuria nel 2014 con “Mommy” (film distopico pazzesco ed esplosivo) per “E’ solo la fine del mondo” porta una storia di ottimo potenziale narrativo e un cast stellare:  Marion Cotillard, Lea Seydoux, Vincent Cassel, Gaspard Ulliel. E’ un dramma familiare, tratto da un’opera teatrale di Jean Luc Lagarce. Narra il ritorno a casa di Louis (Gasppard Ulliel), uno scrittore malato terminale che dovrà rivelare la sua morte imminente ai familiari e affrontare le tensioni conseguenti alla sua assenza durata dodici anni. (M.Dei)

xavier-dolan

il regista Xavier Dolan