Cannes 2017 – THEY di Anahita Ghazvinizadeh

Posted by on May 13, 2017 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


Nella Sezione Special Screenings, la storia (vera) di un ragazzino “senza genere” che volutamente prolunga la sua infanzia, in attesa di decidere la sua identità sessuale (oppure no). Diretto dalla regista iraniana rivelazione della Cinefondation di Cannes ed elogiata da Jane Champion.

_they_still

THEY di Anahita Ghazvinizadeh

SINOSSI:

Il quattordicenne J non è nè un lui nè una lei, ma un “They” (pronome senza genere). Vive con i suoi genitori nella periferia di Chicagno. J sta esplorando la sua identità sessuale mentre assume degli ormoni bloccanti delle crescita per posticipare la pubertà.  Dopo due anni di cure e terapie, J deve prendere una decisione, se “lasciarsi” crescere, transitare nella fase dell’adolescenza, o no. In questo cruciale fine settimana in cui i genitori sono fuori, la sorella di J, Lauren, e il suo forse sì-forse no compagno iraniano Araz, giungono per prendersi cura di J. Durante il tempo insieme, J, Lauren e Araz formano un nucleo familiare molto intimo. Ognuno di loro è in uno stato di sospensione, di incompletezza, sentendosi in un limbo, di non appartenere. J dà voce a ciò che tutti e tre sentono: la riluttanza al cambiamento, un desiderio di rimanere nell’infanzia dove l’innocenza è ancora possibile anche mentre regredisce e implode nella distanza.