Cannes 2017- FACES PLACES di Agnes Varda

Posted by on May 13, 2017 in Contemporaneo globale, Territorio e passato | 0 comments


Fuori concorso, l’ultimo lavoro documentario della cineasta francese nasce da un progetto a quattro mani con l’artista visuale JR.  Agnès Varda e JR si mettono in cammino sulle strade della Francia rurale in cerca di incontri spontanei o organizzati. In macchina o nel camion speciale di JR, lontano dalle grandi città, i due fonderanno il loro modo di vedere gli altri.

villages visages varda

Agnes Varda e JR in VISAGES VILLAGES – FACES PLACES

 

Un gap anagrafico notevole (lei alla soglia dei 90 anni, lui 37enne). Agnes Varda ha scelto di esplorare la sua passione attraverso il cinema e il documentario. JR attraverso le sue foto installazioni ambientali che catturano emotivamente l’attenzione. Agnes Varda ha dalla sua l’esperienza e la storia di oltre mezzo secolo di cinema vissuto, interpretato, re-inventato. Una visione cinematografica unica che dal 1950 le ha fatto guadagnare un fedele stuolo di entusiasti cinefili in tutto il mondo. JR, da iconico fotografo e artista murale seguito da oltre un milione di followers su Instagram, le ha offerto di sperimentare la contemporaneità dei linguaggi e dei mezzi.

Agnes Varda e JR hanno più cose in comune di quel che si possa immaginare. Entrambi condividono la passione di una vita per le immagini e per come esse vengono create, mostrate e condivise. Una visione comune sull’arte, il paesaggio, il movimento. La stessa curiosità per la modernità, per la visionarietà che per loro rappresenta “fissare l’istante in un’icona”, per il modo di veicolare la propria visione mediante dispositivi, forme, “devices” dell’era della tecnologia e della comunicazione globale. Così Agnes Varda e JR si incontrano e incrociano il loro modo di essere artisti in un documentario a quattro mani. Così antico, moderno, passato e futuro, perdono i loro confini di definizione e si mescolano, si contaminano, diventano materia nuova da raccontare attraverso improbabil modalità di linguaggio e  lo spirito entusiasta dei due “registi-esploratori”.

Il progetto è nato quando JR, un fan della Varda da lunghissimo tempo, è andato ad incontrarla nella sua casa in rue Daguerre. “Entrambi abbiamo realizzato all’istante di voler lavorare insieme”-ha dichiarato la regista a Cannes. Quello che raccontano in VISAGES VILLAGES (Faces, Places) è non solo un viaggio nella Francia rurale (commovente e coinvolgente), ma anche la tenera e improbabile amicizia che si è formata tra loro durante il progetto. E’ l’apoteosi on the road di due ragazzini innamorati della vita, catapultatisi davanti ad essa con lo sguardo di fanciulli, curiosi fino all’impossibile di sperimentarla e “acchiapparla” attraverso ogni potenzialità espressiva.  (Mariella Dei)

 

 

 

 

visages-villages visages-villages varda